Il fashion “sfila” online ed è boom di visualizzazioni

L’haute couture on line piace, lo dicono i numeri. Secondo la Camera Nazionale della Moda Italiana, la prima Milano Digital Fashion Week, svoltasi dal 14 al 17 luglio, ha ottenuto 300mila visualizzazioni e 15,1 milioni di play nel canale streaming. Su Facebook, Instagram, Twitter, YouTube e Weibo ha totalizzato numeri da capogiro: ben 105.592.409 utenti. Quanto alla pubblicità, l’earned media value web e social media ha raccolto 6.244.315 euro, equivalenti al 58% dell’earned media value totale delle digital fashion week, corrispondente a 10.749.970 euro.

Le sfilate di Parigi trasmesse in digitale saranno visibili sulle piattaforme della Federation de la Haute Couture et de la Mode fino al 15 settembre. Al momento hanno raggiunto circa 202mila visitatori per un totale di 490mila visualizzazioni. I contenuti su YouTube sono stati guardati 5,6 milioni di volte e, complessivamente, quelli su Weibo, Tencent Video e Bilibili 19,4 milioni di volte. Il tutto ha generato un Miv (media impact value) di oltre 65 milioni di dollari.

Quanto ai contenuti, fatte salve alcune eccezioni come la sfilata di Etro e quella nel grano di Jacquemus (foto di apertura), si è trattato per lo più di video emozionali preparati dalle maison e, in parte, criticati per non essere stati in grado di valorizzare i capi proposti.

Va detto, però, che si tratta di un primo esperimento, e che molti brand della moda sono già al lavoro per rendere sempre più coinvolgenti i futuri appuntamenti digital.

Leave a comment